mercoledì 6 settembre 2017

Aggiornamenti sui terremoti di Agordo (BL) del 06 settembre 2017

Comunicato redatto dal Centro di Ricerche Sismologiche
di Udine alle ore 16:30 del 06/09/2017

Oggi, 6 settembre 2017 alle ore 14:22, la Rete Sismometrica del Veneto ha rilevato un terremoto di magnitudo 3,6 con epicentro localizzato in prossimità di Agordo (BL) (Fig.1), a una profondità ipocentrale di circa 8 km (in Fig.2 è riportato il sismogramma registrato dalla stazione di Agordo). Sono seguite altre due scosse, alle 14:26 (magnitudo 2.6) e alle 14:30 (magnitudo 3.0) con localizzazione analoga. Ulteriori piccole scosse (14 di magnitudo inferiore a 2) sono in corso di localizzazione. Da segnalazioni ricevute, l’evento principale è stato percepito distintamente dalla

popolazione nell’Agordino e nella zona di Feltre e Belluno. Il Centro di Ricerche Sismologiche continua a monitorare l’attività sismica. Eventuali sviluppi possono essere seguiti sul sito http://rts.crs.inogs.it/, continuamente aggiornato da un sistema di rilevamento e localizzazione automatica dei terremoti dell’Italia nord-orientale. 
Dal punto di vista sismologico, gli eventi di questo pomeriggio sono avvenuti in una zona di bassa sismicità. Dall’installazione della prima rete sismometrica dell’Italia nord-orientale (1977), nell’alto Bellunese è da segnalare un unico evento di analoga magnitudo (terremoto di Pieve di Cadore del 7 aprile 1987, magnitudo 3.5). In Fig. 3 gli eventi di questo pomeriggio sono inquadrati nel contesto della sismicità registrata dal 1977. Dal punto di vista della sismicità storica, la zona di Agordo ha risentito principalmente l’effetto dei terremoti dell’Alpago-Cansiglio (1873 e 1936) in relazione ai

quali è stato raggiunto il VI grado della scala MCS (Mercalli-Cancani-Sieberg).