venerdì 2 giugno 2017

Boati in Cadore (Veneto) Aggiornamento da parte dell'OGS-CRS

A inizio aprile 2017 si erano manifestati nella zona del Cadore (Belluno) alcuni strani boati, per molti aspetti simili a quelli percepiti e studiati a lungo nella zona del Fadalto a nord di Vittorio Veneto (Treviso).


Di seguito trovate i link agli articoli di approfondimento.

Anche in questo caso l'OGS-CRS Centro Ricerche Sismologiche di Udine è stato chiamato a studiare ed indagare su questo fenomeno a seguito della nuova serie di boati.

Nella giornata odierna lo stesso ente ha emesso un comunicato stampa che dopo quasi due mesi di monitoraggio conferma l'assenza di ulteriori fenomeni nella zona. 
Di seguito il comunicato ufficiale da parte dell'OGS CRS.


A seguito di segnalazioni di boati percepiti in Cadore, il 5 aprile scorso avevamo installato a Calalzo due sismometri per seguire l'eventuale ripetersi dei fenomeni. 
Da allora, però, non sono più giunte segnalazioni di boati e pertanto, dopo quasi due mesi, abbiamo rimosso la strumentazione e concluso la campagna di misure. Il nostro sito per segnalazioni di fenomeni acustici anomali resta invece attivo http://www.crs.inogs.it/rumblo
Rimaniamo a disposizione delle autorità per nuovi interventi se il fenomeno dovesse riprendere.

Un tecnico dell'OGS CRS al lavoro a Calalzo