domenica 25 giugno 2017

Giornata di forti temporali estivi in Veneto

Solo pochi giorni fa, il 21 giugno, siamo entrati ufficialmente nella stagione estiva, almeno quella astronomica. La meteorologia descrive invece l'estate come il periodo più caldo dell'anno, in opposizione all'inverno che è invece visto come il più freddo. In questo senso la stagione va dal 1º giugno al 31 agosto.
Le scorse settimane, in particolare gli ultimi giorni, sono stati caratterizzati da soleggiamento e temperature elevate, anche sopra la media del periodo.

Le previsioni però hanno previsto un cedimento di questo periodo di bel tempo, annunciando la possibilità di precipitazioni e forti temporali per il territorio veneto, con particolare attenzione alle zone pedemontane e montane.
Di seguito le mappe del modello previsionale LAM di NordEstMeteo, con le precipitazioni previste per le 48/72 ore successive alla mezzanotte di oggi, 25 giugno.



Da questa mattina si sono infatti registrati alcuni passaggi temporaleschi nelle zona previste.
I primi passaggi nel corso delle prime ore del giorno sono stati caratterizzati, almeno nella mia zona da deboli precipitazioni accompagnate da modesta attività elettrica. 
Alle ore 8.20 immediatamente a nord di Crocetta del Montello, verso Valdobbiadene e il Monte Cesen, il cielo si presentava particolarmente minaccioso e scuro, accompagnato da una crescente ventilazione dai quadranti settentrionali. 
Di seguito uno scatto di questa mattina del sistema in transito lungo la pedemontana trevigiana, eseguito da Crocetta del Montello (TV) verso est, quando il sistema aveva già lasciato la zona del Cesen e si era spostato indicativamente nella zona di Miane e Follina (TV) dove si sono registrati eventi e fenomeni grandigeni.





Attorno alle ore 9.45 un nuovo nubifragio si è abbatttuto nella zona tra Crocetta del Montello e Montebelluna (TV) accompagnato da forti raffiche di vento e una discreta attività elettrica! Il fenomeno è durato circa una ventina di minuti.


Attualmente si stanno registrando aperture e schiarite ma chissà come proseguirà la giornata dal punto di vista meteorologico...

A tutti buona domenica...

domenica 18 giugno 2017

Pillole della dimostrazione antincendio boschivo a Soligo

Oggi pomeriggio dimostrazione antincendio boschivo con i gruppi AVAB Valsana e Segugino.
La dimostrazione si è svolta all'interno di una manifestazione a Soligo ed era rivolta a far conoscere ai più piccoli le attenzioni da avere per proteggere i nostri boschi dal fuoco e le attività antincendio svolte dalle locali associazioni di volontariato.
Ecco il pomeriggio in pillole...











Lavorare con i bimbi sui temi della sicurezza e della prevenzione offre sempre grandi soddisfazioni e grandi speranze per il futuro!

sabato 17 giugno 2017

QSL di Radio Habana Cuba

Finalmente ho ricevuto con molto piacere, dopo una lunga attesa, una QSL da parte di Radio Habana Cuba, lo storico servizio radiofonico per l'estero dell'Instituto Cubano de Radio y Televisión, l'ente radiotelevisivo governativo di Cubache trasmette dal centro de La Habana. 


L'ascolto della trasmissione è stato effettuato il 28 novembre 2016 alle 12.20 UTC, sulla frequenza di 17.730 kHz con un SINPO 45333, grazie ad un ricevitore Kenwood R1000 ed una antenna Long Wire.
Oltre allo storico jingle che cita "Esta es Radio Habana Cuba" ho ascoltato un interessante programma dedicato a Fidel Castro, storica figura scomparsa proprio qualche giorno prima della trasmissione.

Il mio articolo sull'E Sporadico ripubblicato sul magazine SPF Spazio Penultima Frontiera

Ancora una volta un post di questo blog è stato ripreso dal magazine SPF Spazio Penultima Frontiera, la rivista interna di un gruppo on line che si occupa dello spazio in tutte le sue molteplici sfaccettature.
In questa occasione è stato ripreso il mio post dedicato all'E Sporadico, visto che la particolare condizione di propagazione radio è determinata e condizionata dai vari strati dell'atmosfera.




La copertina del magazine SPF Spazio Penultima Frontiera

Oltre all'articolo vi invito a prendere visione del numero di giugno 2017 del magazine SPF Spazio Penultima Frontiera, ricco di spunti e contenuti interessanti per gli appassionati di settore. La rivista è rintracciabile ai link sottostanti.


domenica 11 giugno 2017

L'ISS incontra la visuale di Giove il 10 giugno 2017

Continuano i passaggi della ISS Stazione Spaziale Internazionale. Ieri sera la traiettoria della ISS Stazione Spaziale Internazionale incontra la visuale di Giove sui cieli del Nord Italia.


Un piccolo video realizzato semplicemente con il cellulare, accompagnato dal commento sonoro della mia piccola bambina... :)



Dalla mia postazione anche in questo passaggio nessuna ricezione radio dalla ISS Stazione Spaziale Internazionale.

venerdì 9 giugno 2017

Passaggio della ISS International Space Station 08 giugno 2017 registrato in Polesine

In questi ultimi giorni sono avvenuti diversi passaggi interessanti della ISS la Stazione Spaziale Internazionale, sia per la loro luminosità, sia per poter testare l'ascolto o l'interazione via radio.
Visti i passaggi particolarmente adatti allo scopo, ho provato l'ascolto delle trasmissioni radio che avvengono a bordo della ISS sia in fonia sia in APRS, ma con risultati limitati. Gli ascolti sono avvenuti in coordinamento con altri amici interessati agli ascolti delle trasmissioni dei satelliti, ma anche le altre stazioni non hanno ricevuto trasmissioni.


Da segnalare invece una bella registrazione del transito della Stazione Spaziale Internazionale ISS alle ore 21.46 local time del 08 giugno 2017. Le riprese sono state effettuate in Polesine dalle videocamere della Stazione Mo.F.L.A. del 45°GRU (www.45gru.it).

Nei due video seguenti la ISS e' il pallino luminoso che si sposta, mentre a quota inferiore si può notare il transito di un aereo caratterizzato dalla scia.




Osservare questi fenomeni, anche ad occhio nudo, risulta particolarmente semplice ed estremamente affascinante.

73 e cieli sereni da IU3IOU Giorgio

lunedì 5 giugno 2017

Evento sismico in Veneto in provincia di Verona

Nella serata di ieri il territorio regionale Veneto è stato interessato da un terremoto di magnitudo ML 3.6 avvenuto nella zona del veronese, in particolare a 4 km ad ovest San Zeno di Montagna (VR).
L'evento è stato registrato e localizzato dalla Sala Sismica INGV-Roma il 04-06-2017 alle ore 18:00:56 UTC - 20:00:56 locali con coordinate geografiche (lat, lon) 45.65, 10.69 ad una profondità di 10 km.
Da alcune testimonianze sembrerebbe che il movimento tellurico sia stato molto breve.


Data l'intensità del terremoto, l'evento è stato nettamente avvertito da gran parte della popolazione dei centri più vicini all'epicentro. A Verona la scossa è stata percepita solo ai piani più alti degli edifici, così come nelle altre aree del Lago di Garda e in Valpolicella. Anche nel lato bresciano del Lago di Garda il terremoto è stato percepito in diversi centri.

La mappa di risentimento sismico realizzata dall'INGV

Fortunatamente solo un grande spavento tra la popolazione, considerato che non si sono registrati danni a cose o persone.

venerdì 2 giugno 2017

Boati in Cadore (Veneto) Aggiornamento da parte dell'OGS-CRS

A inizio aprile 2017 si erano manifestati nella zona del Cadore (Belluno) alcuni strani boati, per molti aspetti simili a quelli percepiti e studiati a lungo nella zona del Fadalto a nord di Vittorio Veneto (Treviso).


Di seguito trovate i link agli articoli di approfondimento.

Anche in questo caso l'OGS-CRS Centro Ricerche Sismologiche di Udine è stato chiamato a studiare ed indagare su questo fenomeno a seguito della nuova serie di boati.

Nella giornata odierna lo stesso ente ha emesso un comunicato stampa che dopo quasi due mesi di monitoraggio conferma l'assenza di ulteriori fenomeni nella zona. 
Di seguito il comunicato ufficiale da parte dell'OGS CRS.


A seguito di segnalazioni di boati percepiti in Cadore, il 5 aprile scorso avevamo installato a Calalzo due sismometri per seguire l'eventuale ripetersi dei fenomeni. 
Da allora, però, non sono più giunte segnalazioni di boati e pertanto, dopo quasi due mesi, abbiamo rimosso la strumentazione e concluso la campagna di misure. Il nostro sito per segnalazioni di fenomeni acustici anomali resta invece attivo http://www.crs.inogs.it/rumblo
Rimaniamo a disposizione delle autorità per nuovi interventi se il fenomeno dovesse riprendere.

Un tecnico dell'OGS CRS al lavoro a Calalzo

E Sporadico, FM DX e Magic Band

Oggi, dopo un periodo piuttosto intenso di lavoro, sto riuscendo a dedicare un po' di tempo alla radio, testando e provando una serie di cose che erano in lista d'attesa.
Tra queste, dopo aver letto recentemente alcuni articoli dedicati a questo tema, il tentativo di ricevere qualche stazione broadcasting commerciale in FM a lunga distanza, il cosidetto FM DX.
Nonostante i mezzi semplici, una chiavetta SDR come ricevitore all mode e un'antenna verticale, ho voluto provare ugualmente la ricezione scansionando le frequenze in uso nell'Europa Orientale e Russe (le cosiddette frequenze ORIT).

Ad un certo punto, mentre scorreva la sintonia della frequenza, ecco che il ricevitore si ferma su una trasmissione in lingua russa sulla frequenza di 65.84 MHz per circa una dieci/dodici minuti.
Durante il programma ho ricevuto un jingle contenente l'ID dell'emittente: Radio Rossii - State Broadcasting Company "Radio Russia", poi confermato dalla verifica su vari database on line.
Vista la distanza, la frequenza e la modalità di trasmissione, l'ascolto è stato possibile con buona probabilità grazie all'E Sporadico (Es), una forma di radiopropagazione che utilizza le caratteristiche della ionosfera terrestre. 
Considerando che la maggior parte delle forme di propagazione skywave si avvalgono delle proprietà di ionizzazione normale e ciclico dello strato F della ionosfera, situato tra i 130 e 450 km, per riflettere o curvare nuovamente segnali radio verso la superficie della Terra, la propagazione E sporadica, rimbalza i segnali radio tramite piccole nubi di gas atmosferico insolitamente ionizzato nello strato E, regione della ionosfera più bassa e adiacente allo strato F, che si estende tra i 90 a 130 km. Questo permette la comunicazione sporadica e a lunga distanza su frequenze VHF, in genere non adatte a tale tipo di comunicazione.

Una schematizzazione dell'E Sporadico


La distanza, tra il mio QTH (Crocetta del Montello TV - Italy) e la posizione del trasmettitore situato a Smolenskaya Oblast - Russia, è stimata in 1727 km.


Ho provato ad inviare un rapporto d'ascolto all'emittente attraverso la mail inform@radiorus.ru. Vediamo se riceverò una QSL o un qualche tipo di risposta.

Lo stesso E Sporadico è quelo che ha consentito successivamente anche discreti ascolti sulla banda dei 6 metri, frequenza di 50 MHz, con la ricezione di varie stazioni radioamatoriali europee.
La cosa affascinante dell'E sporadico provato oggi sui 6 metri è che le diverse stazioni appaiono e scompaiono nel giro di pochi minuti. 
Forse proprio per questo viene chiamata Magic Band... con queste magie della propagazione!

eQSL QSL collegamenti radioamatoriali ricevute a maggio 2017 - niente da fare...

Continua l'attività radioamatoriale attraverso semplici strumenti, in attesa di poter aumentare e migliorare la stazione. Al momento i collegamenti radio avvengono in V/UHF ed in sola modalità FM, pertanto si tratta di collegamenti locali, per lo più mediante il transito su qualche ponte ripetitore.
La stazione al momento è composta da due ricetrasmettitori bibanda FM: uno storico ICOM IC-3210E usato nel tempo per l'attività di radioascolto, e un Baofeng UV9R per l'attività in portatile.


La semplicità di questi collegamenti non ha fatto registrare nel mese di maggio nessuna eQSL o QSL di conferma.
Ma non demordo, presto la situazione cambierà! A presto on air...



73 de IU3IOU

QSL e conferme di ascolto di maggio 2017

E' il momento del consueto aggiornamento delle principali QSL, eQSL e conferme di ascolti radio, ricevute durante il mese di maggio 2017. 

Gli impegni professionali continuano a tenermi distante dalle. Questo e la non sempre celere risposta da parte di emittenti e operatori, ha fatto registrare poche conferme questo mese. 
Ci saranno sicuramente tempi migliori...


73 de Giorgio IU3IOU (SWL I-4979/VE)


Broadcasting



eQSL di ascolti radioamatoriali



Emittenti pirata



giovedì 1 giugno 2017

Nuova pubblicazione sul magazine SPF Spazio Penultima Frontiera

SPF Spazio Penultima Frontiera è un luogo ed una comunità on line di persone che si occupa dei temi riguardanti lo spazio in tutte le sue forme e manifestazioni con una comunità di confronto e approfondimento composta anche da esperti e professionisti del settore. 

Ancora una volta uno dei post di questo blog è stato ripreso dalla rivista interna, che vede nel numero di maggio 2017, la pubblicazione dell'articolo dedicato alle ricerche del 45°GRU (www.45gru.it), gruppo rodigino che si occupa di fenomeni luminosi anomali.
L'articolo racconta della presentazione di queste ricerche ad un simposio scientifico internazionale tenutosi recentemente in Francia.

La copertina del magazin SPF Spazio Penultima Frontiera

Oltre all'articolo vi invito a prendere visione del magazine SPF Spazio Penultima Frontiera, ricco di spunti e contenuti interessanti per gli appassionati di settore. La rivista è rintracciabile ai link sottostanti.