venerdì 12 luglio 2013

Attività sismica appennino tosco emiliano

Da ieri nel distretto sismico denominato di Montefeltro è attiva una sequenza sismica con magnitudo locale Ml < 4. 
L'evento principale è il primo, quello di ieri mattina con Ml 3.9 a cui è seguita l'intera sequenza ancora in atto.
Dopo alcune ore di concentrazione delle scosse e degli eventi in quello stesso distretto sismico, sono riprese le scosse anche nella zona della Lunigiana dove si sono registrati alcuni eventi con Ml > 3.
L'attenzione pertanto è concentrata al momento attuale su tutto l'asse dell'appennino tosco emiliano, vista l'attività sismica vivace dell'ultimo anno.

Al momento attuale non si registrano danni a seguito degli eventi registrati nell'ultimo periodo, ma le varie componenti restano operative e pronte ad eventuali necessità.
Gli enti tecnico scientifici come di consueto, continuano il loro incessante lavoro di monitoraggio della situazione e della sua evoluzione.

Si ricorda che oltre allo sciame sismico che da ieri mattina sta interessando il Montefeltro, in questo momento sono in piena attività sul territorio nazionale altre tre sequenze sismiche: Lunigiana, Maceratese, e Piana di Gioia Tauro tutte con un tasso di eventi superiore ai 30 al giorno, e sono da considerare ancora attive le sequenze nel Pollino, nel Frusinate e nella Pianura Emiliana.